La cinghia di distribuzione a cosa serve, quando va cambiata e quanto costa?

Home Info Novità La cinghia di distribuzione a cosa serve, quando va cambiata e quanto costa?

La cinghia di distribuzione a cosa serve, quando va cambiata e quanto costa?

La cinghia di distribuzione a cosa serve, quando va cambiata e quanto costa?

Un suono che non si sente più sulle auto moderne è il rumore della cinghia di distribuzione usurata, dal momento che le case costruttrici non utilizzano più da tempo cinghie rumorose, ovvero che avvisavano il conducente che era ora di portare l’auto dal meccanico.
Il rumore non si sente più, ma non per questo ci si può dimenticare della regolare manutenzione di questo importantissimo componente del motore: la cinghia di distribuzione è un pezzo fondamentale e serve a distribuire e sincronizzare il movimento dell’albero a camme con il movimento delle valvole e dei pistoni.

Quando una cinghia di distribuzione si usura, rischia di rompersi. Se il pezzo di per sé ha un valore piuttosto basso – si parla di cifre dai 50 ai 200 euro – i danni causati dalla rottura sono molto più consistenti.
Quando si rompe la cinghia di distribuzione, albero a camme, pistoni e valvole non sono più sincronizzati e le parti mobili iniziano a sbattere tra di loro, danneggiando irreparabilmente il motore che – a quel punto – va sostituito con una spesa assai importante.
Per questo motivo è molto più conveniente procedere a una manutenzione costante – da effettuare ogni 100mila-180mila km oppure ogni 5 o 6 anni, quindi al massimo due o tre volte nell’arco di vita di un mezzo – piuttosto che rischiare un danno assai più costoso.
Sul libretto di manutenzione dell’auto sono segnalate le indicazioni da seguire, in anni o chilometri percorsi, per la sostituzione della cinghia di distribuzione. Questi termini si riferiscono a condizioni di utilizzo ottimale: climi particolarmente rigidi o sollecitazioni continue come l’utilizzo su percorso extraurbano diminuiscono la vita del pezzo, motivo per cui è opportuno portare l’auto in un’officina specializzata per effettuare dei controlli periodici ogni 30000km.

La valutazione dello stato di salute della cinghia, così come la sua sostituzione, è un intervento che deve essere affidato alle mani dei professionisti e che non può essere effettuato nel proprio garage: si tratta di un processo complesso che prevede lo smontaggio del motore, il blocco delle parti mobili e di tutta una serie di operazioni che vanno eseguite secondo una sequenza precisa.
Per questo, la sostituzione della cinghia di distribuzione è un lavoro che – nonostante il basso costo del pezzo di ricambio – spesso richiede diverse ore di lavoro. L’intervento va dai 400 euro nel caso di automobili di piccola cilindrata fino ai 1000 euro per i mezzi più grandi, e comprende anche la sostituzione di tutta una serie di accessori meccanici correlati al pezzo quali, ad esempio, cuscinetti, cingoli in acciaio e tendicinghia (ma non solo). Sono tuttavia costi che vanno inseriti come manutenzione dell’auto, al pari degli pneumatici o della manutenzione delle bombole di gpl e metano, che possono risparmiarvi molti grattacapi e costi ben più alti in caso di rottura del pezzo per incuria o trascuratezza.

La nostra officina è sempre a disposizione per effettuare controlli periodici e manutenzione ordinaria e straordinaria, compresa quella della cinghia di distribuzione della vostra auto. Non fatevi cogliere dal guasto, affidatevi ai nostri meccanici esperti e qualificati. Una buona manutenzione è il miglior risparmio.

Indietro